JA slide show
Sei qui: Home Statuto TITOLO VI

TITOLO VI

PDF  Stampa  E-mail 

TITOLO VI
ORDINAMENTO
FINANZIARIO E CONTABILE

Capo I
Finanza comunale

Articolo 50
(Autonomia finanziaria)

1. Il Comune di Colfelice ha autonomia finanziaria fondata su risorse proprie e risorse trasferite, nell'ambito delle leggi sulla finanza pubblica

2. Nei limiti stabiliti dalla legge il Comune di Colfelice ha altresì potestà impositiva autonoma nel campo delle imposte, delle tasse e delle tariffe.

3. Il Comune persegue, attraverso l'esercizio della propria potestà impositiva e con il concorso delle risorse trasferite dallo Stato ed attribuite dalla regione, il conseguimento di condizioni di effettiva autonomia finanziaria, adeguando i programmi e le attività esercitate ai mezzi disponibili ed informando l'impegno di tali mezzi ai principi di efficienza, efficacia ed economicità.

4. La finanza del Comune è costituita da:

a) imposte proprie;

b) addizionali e compartecipazioni ad imposte erariali e regionali;

c) tasse e diritti per i servizi pubblici erogati;

d) trasferimenti erariali;

e) trasferimenti regionali;

f) altre entrate proprie, anche di natura patrimoniale;

g) risorse per investimenti;

h) altre entrate.

5. Al Comune di Colfelice spettano le tasse, i diritti, le tariffe e i corrispettivi sui servizi di propria competenza. Il Comune, nell'attivare il concorso di tutti i cittadini alle spese pubbliche locali, ispira le determinazioni di propria competenza in materia di imposte, tasse, diritti e corrispettivi dei servizi ai criteri di equità e di giustizia, distribuendo il carico tributario in modo da assicurare la partecipazione di ciascun cittadino in proporzione alla sua capacità contributiva.

Articolo 51
(Demanio e patrimonio)

1. Il Comune di Colfelice ha un proprio demanio e un proprio patrimonio, disciplinati dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti.

2. La gestione dei beni comunali deve essere informata a criteri di conservazione e valorizzazione del patrimonio e del demanio comunale, nonché ai principi di efficacia, di efficienza e di economicità.

3. L'uso e il regime giuridico dei terreni del Comune soggetti agli usi civici sono disciplinati dalle leggi speciali che regolano la materia.

4. Di tutti i beni comunali sono redatti esatti e dettagliati inventari, costantemente aggiornati, secondo le norme stabilite dalla legge e dal regolamento di contabilità.

5. I beni patrimoniali disponibili possono essere alienati o dati in locazione secondo le modalità stabilite nel regolamento di contabilità, fermo restando, in ogni caso, i principi stabiliti dalla legge in materia.

Capo II
Contabilità comunale

Articolo 52
(Regolamentazione delle attività finanziarie)

1. L'ordinamento finanziario e contabile del Comune di Colfelice è disciplinato dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti.

2. Il Consiglio comunale, nell'ambito dei principi fissati dalla legge e dal presente Statuto, adotta appositi, distinti regolamenti per la contabilità e per la disciplina dei contratti.

Articolo 53
(Bilancio di previsione e conto consuntivo)

1. La gestione finanziaria del Comune di svolge in base al bilancio annuale di previsione e al bilancio pluriennale, deliberati dal Consiglio comunale in seduta pubblica e con il voto della maggioranza dei consiglieri assegnati, entro il termine fissato dalla legge, osservando i principi dell'unità, dell'annualità, dell'universalità, dell'integrità, della veridicità, del pareggio economico e finanziario, e della pubblicità. Il bilancio annuale è corredato da una relazione previsionale e programmatica e dal bilancio pluriennale.

2. Il conto consuntivo è deliberato dal Consiglio comunale in seduta pubblica e con il voto della maggioranza dei consiglieri assegnati, entro il termine fissato dalla legge. Al conto consuntivo è allegata una relazione illustrativa della Giunta, che esprime le valutazioni di efficacia dell'azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi e ai costi sostenuti. Al conto consuntivo è altresì allegata la relazione del revisore dei conti attestante la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione.

3. I fatti gestionali sono rilevati mediante contabilità finanziaria ed economica e dimostrati nel rendiconto della gestione, comprendente il conto del bilancio, il conto economico e il conto del patrimonio.

4. Il bilancio di previsione, il rendiconto della gestione e gli altri documenti contabili dovranno favorire una lettura per programmi e obiettivi che permetta l'individuazione dei costi prima preventivati e poi effettivamente sostenuti, affinché siano consentiti, oltre al controllo finanziario e contabile, anche quello sulla gestione e quello relativo all'efficacia e all'efficienza dell'azione del Comune.

Articolo 54
(Scritture contabili di enti e aziende dipendenti dal Comune 
e di consorzi ai quali partecipa il Comune)

1. I bilanci e i rendiconti degli enti, organismi, aziende e istituzioni in qualunque modo costituiti o dipendenti dal Comune, sono trasmessi al Comune e vengono discussi ed approvati unitamente, rispettivamente, al bilancio di previsione e al conto consuntivo del Comune stesso.

2. I consorzi ai quali partecipa il Comune di Colfelice devono trasmettere al Comune il bilancio preventivo e il conto consuntivo in conformità alle norme previste nello statuto consortile. Il conto consuntivo del Consorzio è allegato al conto consuntivo del Comune.

3. Al conto consuntivo del Comune è allegato altresì l'ultimo bilancio approvato da ciascuna delle società nelle quali il Comune di Colfelice ha una partecipazione finanziaria.

Articolo 55
(Revisore dei conti)

1. Il revisore dei conti è nominato dal Consiglio comunale a maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati secondo le modalità e i criteri stabiliti dalla legge, dallo Statuto e dal regolamento di contabilità.

2. Ai fini della nomina si applicano al revisore dei conti le cause di ineleggibilità e di incompatibilità previste dalla legge e dallo Statuto per i consiglieri comunali. Egli dura in carica tre anni ed è rieleggibile per una sola volta, e non è revocabile se non nei casi previsti dalla legge.

3. Il revisore dei conti esercita le funzioni ad esso demandate dalla legge con la diligenza del mandatario. Egli risponde della veridicità delle proprie attestazioni ed adempie ai propri doveri secondo i precetti della diligenza e della rettitudine, riferendo immediatamente al Sindaco e al Segretario comunale in merito ad eventuali irregolarità rilevate nella gestione dell'ente.

4. Il revisore dei conti, in conformità allo statuto ed al regolamento, collabora con il consiglio nella sua funzione di controllo e di indirizzo fornendo, a tal fine, ogni utile elemento conoscitivo. A tal fine, il revisore dei conti può partecipare, su richiesta del Sindaco, del Consiglio o della Giunta, e senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio comunale, della Giunta comunale o delle commissioni.

5. Egli verifica l'avvenuto accertamento della consistenza patrimoniale dell'ente, esercita la vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria della gestione dell'ente anche attraverso la visione degli atti che comportano spese o modifiche patrimoniali, ed attesta la corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione, redigendo apposita relazione, che accompagna la proposta di deliberazione consiliare del conto consuntivo. Nella stessa relazione il revisore esprime rilievi e proposte tendenti a conseguire una migliore efficienza, produttività ed economicità della gestione.

6. Il revisore dei conti provvede, altresì, con l'ausilio del servizio finanziario, al riscontro della regolarità amministrativo-contabile dell'attività dell'ente, nonché, secondo le modalità stabilite nel regolamento di contabilità, alle verifiche di cassa.

7. Nell'esercizio delle sue funzioni il revisore dei conti ha diritto di accesso agli atti e ai documenti connessi alla sfera delle sue competenze.

Articolo 56
(Servizio di tesoreria)

1. Presso il Comune di Colfelice è istituito un servizio di tesoreria in conformità ai principi stabiliti dalla legge in materia, affidato dal Consiglio comunale, nel rispetto delle procedure a evidenza pubblica, ad un istituto di credito, preferibilmente tra quelli che dispongono di una sede operativa nel territorio comunale.

2. In conformità ai principi stabiliti dalla legge e dallo Statuto, il regolamento di contabilità stabilisce le modalità per la concessione e l'esercizio del servizio di tesoreria.

3. Il rapporto tra il Comune e l'istituto di credito per l'affidamento e l'esercizio del servizio di tesoreria è disciplinato da apposita convenzione, sulla base della deliberazione di affidamento del servizio del Consiglio comunale.